Una valutazione istologica sulle lesioni

cutanee indotte da radiobisturi e Plexr

a livello del derma

Studio approvato dal Comitato Etico di Studi Animale e dell’Uomo presso la Scuola di Medicina dell’Università di Chieti,

condotto da prof. Antonio Scarano.

Valutazione istologica Plexr

La blefaroplastica dinamica Non Ablativa è una tecnica è attuabile grazie a uno strumento ultra maneggevole, senza fili, molto piccolo e alla portata di tutti adatto ad operare in modo non invasivo anche sulle parti più delicate: il PLEXR.

Grazie a questo strumento, si possono risolvere con estrema facilità tutti gli inestetismi e le patologie cutanee, evitando esiti cicatriziali e discromici spesso presenti quando si utilizzano altre metodiche.

Per valutare l’assenza di danno termico a livello del derma utilizzando il Plexr è stato effettuata una ricerca a livello Universitario e precisaZona di necrosi con elettrobisturimente uno studio approvato dal Comitato Etico di Studi Animale e dell’Uomo presso la Scuola di Medicina dell’Università di Chieti, condotto da prof. Antonio Scarano.

Esso ha come oggetto la comparazione della valutazione istologica di lesioni cutanee indotte da Radiobisturi e Plexr.

Per condurre lo studio sono state effettuate delle sperimentazioni su otto conigli maschi della Nuova Zelanda di 3,9 Kg. A ognuno di questi animali è stata rasata e divisa in due parti di 5 cm uguali la parte dorsale. Si è proceduto, quindi, con il rimuovere lo strato corneo in 10 punti con Plexr a dx e 10 con Radiobisturi a sn su ogni coniglio. In ogni area sono state effettuati 10 siti di abrasione per un totale di 20 siti per coniglio. Sono stati sacrificati due conigli al giorno ogni 7 giorni con overdose di Tanax. Sono state effettuate 20 biopsie per area incluso il sottocutaneo, 10 per il Plexr e 10 per il Radiobisturi per un totale di 40 biopsie per settimana.

Plexr precisione di taglio

Dai risultati pervenuti è emerso che con il Plexr non ci sono stati danni termici al derma con assenza di strato necrotico e presenza di infiltrato infiammatorio come invece è risultato nelle parti trattate con il radiobisturi.

La conclusione è che il Plexr rispetto al Radiobisturi evita i danni all’interno del parenchima.